Cosa mangiare a Bari: i 10 piatti della tradizione

Cosa mangiare a Bari: i 10 piatti della tradizione

Bari è una città ricca di storia che ha tantissimo da raccontare dal punto di vista artistico e architettonico, ma c’è un “aspetto gustoso” che rende il Capoluogo pugliese ancor più ricco: la sua cucina e gli innumerevoli piatti della tradizione locale tutti da scoprire. Se avete voglia di conoscere i 10 piatti della cucina tradizionale barese più rappresentativi e storici, continuate a leggere l’articolo… saprete finalmente cosa mangiare a Bari.

Ecco cosa mangiare a Bari per sentirvi veramente immersi nella cultura del luogo

Riso patate e cozze specialità barese
Credits photo http://ammodomio.blogspot.com/
  1. Tiella di Riso patate e cozze: si tratta di una ricetta così importante da essere l’unica vera alternativa al ragù nei giorni di festa. La Tiella barese (la tiella, dal latino *tegella, dim. di tegŭla, in origine indicava un contenitore o pentola dotata di coperchio che, per metonimia, è passato ad indicare varie pietanze che tradizionalmente vengono cotte in forno ) è una ricetta difficile da preparare in quanto la sua buona riuscita dipende dalla perfetta misurazione degli ingredienti . In questo video troverete la vera ricetta spiegata da Sandro Romano con tutti i passaggi per prepararla a casa. Cliccate qui se cercate un locale che propone la tiella barese in menù
    .
  2. Orecchiette con le cime di rape: le volevate al primo posto, vero? Credeteci, la tiella è cosa rara, mentre le orecchiette con le cime di rape ormai sono state sdoganate in molti altri ristoranti pugliesi in giro per l’Italia. Sapete come si prepara questo meraviglioso piatto? Prima di tutto procuratevi le cime di rape (che non equivale a comprare le classiche rape; nei supermercati in tutto il resto d’Italia si trovano solo le foglie e non le cime!!!). Prendete carta e penna: pentola grande con abbonante acqua per sbollentare le cime di rape. Cinque o sei minuti appena di bollore, dopodiché vanno tolti dall’acqua (che avrete precedentemente salato). Nell’acqua delle rape, calate le orecchiette (ci raccomandiamo: di pasta fresca e non di pasta secca!) e tiratele molto al dente perché continueranno a cuocere durante la mantecatura in padella. A parte fate scaldare abbondante olio per il soffritto di uno spicco d’aglio e le acciughe. Scolate bene le orecchiette e fatele saltare nell’olio bollente con l’aglio e le acciughe. Aggiungete le cime di rape ben scolate. Continuate a saltare il tutto in padella.

  3. Fave e cicorie: le fave secche cucinate in acqua per almeno un paio d’ore vengono “sbattute” con un mestolo di legno fino a quando non diventano una purea senza granuli. Nel piatto sono accompagnate da cicorie lessate. Non deve mancare il fantastico olio pugliese inaffiato a crudo.

  4. Sgagliozze: cosa sono le sgagliozze? Non sono altro che piccole mattonelle di polenta fritta, croccanti, dorate e gustose. Sappiate che anche questa leccornia non la troverete facilmente nei ristoranti ma nei vicoli della città vecchia (Bari Vecchia) in versione Street Food casalingo.

  5. Brasciole di cavallo o di vitello: la versione con la carne di cavallo sarà destinata a scomparire per i tantissimi motivi che potete immaginarvi. Le Brasciole o le braciole baresi, sono involtini preparati con fettine tenere di cavallo o di vitello, condite con aglio, prezzemolo, formaggio pecorino romano e pepe. Gli involtini chiusi con uno stuzzicadenti vengono prima rosolati con cipolla e olio e poi vengono ricoperti di salsa di pomodoro. Il ragù con le brasciole saranno pronti almeno dopo 2 ore di cottura a fuoco lento.

  6. Focaccia barese: La focaccia barese è un prodotto lievitato da forno tipico della città di Bari. A Bari rappresenta lo spuntino per eccellenza. Non c’è un momento della giornata in cui è più giusto mangiarla, infatti nei panifici della città è pronta sin dalla prima mattina e il profumo che emana si diffonde per strada . Questo prodotto è diventato così famoso in Puglia da far nascere un consorzio a tutela della ricetta.

  7. Cozze arraganate: presente negli antipasti dei ristoranti di pesce tradizionali (ma anche come secondo non guasta), questo piatto è un vero e proprio scrigno di sapori dal gusto inimmaginabile: Le cozze fresche, prima di essere infornate, vengono riempite con una farcia fatta di mollica di pane bagnata, uova, prezzemolo, aglio, pepe e caciocavallo o Rodez. Formaggio con le cozze? Si! E sono buone da paura!

  8. Calzone di cipolle: il calzone di cipolle non è certo un prodotto esclusivo del capoluogo pugliese. In tutte le regioni d’Italia ne esistono versioni eccellenti che meritano di essere provate. Il “calzone” è una pizza chiusa di pasta di pane farcito con gli sponsali, cipolla invernale (cipolla porraia), stufati in padella e arricchiti con olive e alici.

  9. Spaghetti ai ricci di mare: la semplicità a suffragio del gusto. Gli spaghetti, spesso saltati con aglio, olio e peperoncino, vengono completati dalle gonadi dei ricci di mare obbligatoriamente lontano dai fornelli. Questo è il piatto di “mare” più rappresentativo possa esserci al mondo.

  10. Cialdèdde barese: insalata fredda della tradizione contadina è una ricetta della tradizione contadina pugliese (ma diffusa anche in alcune zone della Basilicata), particolarmente salutare e gustosa, ideale per la cena o il pranzo estivo. Per una buona riuscita della ricetta vanno utilizzati ingredienti genuini e rigorosamente ‘made in Puglia’: pomodori di stagione, caroselli, cipolla rossa, patate, origano, olio extravergine di oliva, pane raffermo e acqua.

I 10 piatti della cucina tradizionale barese al ristorante

Adesso che conoscete “cosa” mangiare, è importante che vi si dica dove mangiare bene a Bari.

Come già dicevamo all’inizio dell’articolo, Bari è una città che vanta un patrimonio enogastronomico praticamente infinito. In questo panorama allettante e divertente c’è solo l’imbarazzo della scelta e le possibilità di mangiar male sono davvero ridotte al minimo.

Tradizione allo stato puro: i ristoranti tipici

Se state cercando indirizzi di ristoranti in cui mangiare tipico pugliese, non dovete far altro che seguire i nostri consigli:

  1. Ristorante Terranima: tradizione, gusto e sostegno degli aspetti culturali della città. In Via Putignani, nel cuore di Bari, troverete Piero Conte e Georgia Colombo ad accogliervi nel loro ristorante con annesso caffè letterario. Imparerete tutto della città di Bari stando fermi in questo luogo magico.
  2. La Uascezze: Il ristorante La Uascezze propone ai propri clienti una vasta scelta di prodotti tipici in cui si sposano al meglio il gusto e la genuinità. Tra le specialità ci sono i taralli fatti a mano, il capocollo di Martina affumicato nel trullo, la salsiccia d’asino, la salse agrodolci alla frutta, i patè artigianali di verdure e di ricotta forte con pomodorini e pane caldo, le mozzarelle, le verdure sottolio, i taglieri di salumi e formaggi, il grano saraceno, speck e provola affumicata, fave e cicorie, rape e fagioli, la zuppa di cicerchie come si faceva un tempo, la parmigiana di melanzane, le focacce farcite, ecc. ecc.
  3. L’Osteria Villari: Una cucina che rispetta la tradizione senza retorica ma che propone anche tagli di carni che vengono da diverse parti del mondo. Orecchiette alle cime di rape, fiorentine frollate 45 gg alla brace, cavatelli alle cozze e cotoletta di sarde: sfogliando il menù dell’Osteria Villari ci si predispone con curiosità a tutte le declinazioni del gusto.

I ristoranti gourmet

  1. La Bul
  2. Biancofiore
  3. Antonio Bufi
  4. Black & White
  5. Gola Gourmet
  6. Ai 2 Ghiottoni

Ecco la guida completa per sapere dove mangiare bene a Bari!

5 specialità da mangiare a Bari in modalità street Food

  1. Focaccia barese: segnatevi questi 3 indirizzi: La Pupetta, Panificio Santa Rita e El focacciaro
  2. Panzerotti fritti: La casa del Gusto
  3. Sgagliozze: Marì de le sgagliozze vicino al Castello
  4. Le popizze: sempre Marì de le sgagliozze vicino al Castello
  5. Le braciole di ‘ndrame al sugo: U russe